Heinen & Hopman employee
close
Would you like to visit our site in English?
Remember my choice
GoStay on this site
Möchten Sie unsere Website in Deutsch zu besuchen?
Erinnere dich an meine Wahl
GoBleiben Sie auf dieser Seite
당신은 한국어로 우리의 사이트를 방문 하시겠습니까?
선택 기억하기
가기Stay on this site
Doriți să vizitați site-ul nostru în limba română?
Amintiți-vă alegerea mea
MergeStay on this site

Unità di Raffreddamento MGO

Unità di Raffreddamento MGO

L' Unità di Raffreddamento MGO è stata sviluppata in risposta alla convenzione MARPOL sul tenore di zolfo. Attualmente, il carburante più usato nell'industria marittima è l'Olio Combustibile Denso (HFO in inglese). Dato che l'HFO contiene grandi quantità di zolfo e di metalli pesanti, le imbarcazioni che ne fanno uso emettono numerosi elementi di inquinamento dell'aria, e di conseguenza sono un problema ambientale di scala mondiale. La convenzione MARPOL sul tenore di zolfo è stata implementata attraverso una serie di scadenze che negli anni hanno progressivamente abbassato il tenore massimo di zolfo contenuto nel carburante.

Le navi che viaggiano in acque ECA hanno già adeguato le loro operazioni alle normative più severe sulle emissioni di zolfo del 2010, soprattutto passando ad un Olio Combustibile Fluido con un tenore massimo di zolfo del 1.0%. Con le prossime normative, il tenore massimo di zolfo sarà ridotto a 0.1%. Tecnicamente, questo è impossibile da realizzare con l'HFO. Di conseguenza, gli operatori navali stanno affrontando una grande sfida, quella di implementare soluzioni tecniche per adattare le installazioni attuali o future ai nuovi standard MARPOL.

L'MGO è l'unica opzione a breve termine possibile.

Ci sono tre opzioni per affrontare le future limitazioni:

  • Passare al Gasolio Marino/Diesel Marino (a basso contenuto di zolfo) Una soluzione testata e sicura che non richiede grandi investimenti ed è disponibile in tutto il mondo. L'aspetto negativo di questa opzione è che il costo del carburante continuerà ad aumentare.
  • Usare HFO con scrubber navali Questa soluzione non implica dover adattare i serbatoi o passare a carburanti più costosi. Tuttavia, è un'opzione ancora in fase di collaudo e l'installazione è cara.
  • Retrofit di navi metaniere Questa soluzione riduce le emissioni di CO2, ossidi di azoto, ossidi di zolfo e di polveri sottili. Tuttavia, il costo per il retrofit di navi già esistenti sarà elevato e non sono presenti infrastrutture di bunkeraggio.

Nel breve periodo, passare all'MGO/MDO è l'unica alternativa affidabile per navi che operano in acque ad emissioni controllate (ECA).

Operare con MGO a basso contenuto di zolfo

Il processo di raffineria rimuove lo zolfo e si ripercuote sulla viscosità e anche sulla lubricità. Utilizzando un MGO a bassa viscosità e bassa lubricità danneggerebbe la pompa AC, progettata per operare con un olio combustibile denso (HFO).

Per poter ottenere proprietà filmogene adatte a proteggere le parti mobili della pompa dall'usura, i produttori di motori consigliano di tenere il carburante ad una viscosità minima di 2 cSt all'entrata della pompa. Per garantire l'affidabilità dell'operazione all'accensione e allo spegnimento del motore, si consiglia di mantenere un livello di viscosità superiore a 3 cSt.

Sistema di raffreddamento MGO

La viscosità dell'olio combustibile dipende dalla temperatura e può essere aumentata raffreddando gradualmente il combustibile. Ci sono quattro modi possibili per raffreddare l'MGO:

  • Raffreddatori ad acqua marina Messi in opera dall'uso di un semplice scambiatore di calore. Questa non è un'opzione consigliabile a causa del rischio di perdite di combustibile in mare.
  • Raffreddatori ad acqua dolce. L'acqua raffreddante disponibile a bordo (di solito a 36°) viene usata come agente refrigerante. Questa temperatura non è sufficientemente bassa per soddisfare i requisiti di viscosità quando un MGO a basso contenuto di zolfo (a bassa viscosità) viene usato in aree ad emissioni controllate (ECA).
  • Sistemi raffreddanti ad espansione diretta. Basati su un ciclo di refrigerazione a compressione di vapore con scambiatori di calore freon-carburante. Sebbene sia un'alternativa semplice e economica, essa presenta alcuni problemi, come un controllo poco accurato della temperatura della superficie del refrigeratore, problemi di sicurezza e operatività limitata a basso carico (impossibile al di sotto del 25% della capacità raffreddante).
  • Sistema di raffreddamento ad acqua fredda/acqua marina L'acqua fredda è prodotta da un ciclo di refrigerazione a compressione di vapore. Anche se è più costosa della soluzione precedente, questa permette un'operatività perfetta a tutti i carichi, controllo preciso della superficie e rendimenti sicuri anche in caso di perdite.

Il raffreddatore MGO di Heinen & Hopman

Il nostro raffreddatore di MGO è stato sviluppato in base a decenni di esperienza di vendita e messa in opera di raffreddatori marittimi in tutto il mondo. Abbiamo usato questa esperienza nel campo del controllo climatico per andare incontro ai bisogni del nostro cliente, adattando le loro operazioni alle normative che entreranno presto in vigore. Grazie a un preciso controllo della temperatura del carburante, il nostro raffreddatore di MGO assicura ad ogni tipo di motore una protezione ottimale quando il carburante passa da HFO a MGO.

Unità di raffreddamento MGO.png

Forniamo unità monoblocco e design personalizzato, facile da modificare e adattare a qualsiasi nave nuova o esistente. Inoltre, la nostra rete globale garantisce che i tempi di consegna, installazione e manutenzione siano sempre minimi.

Il nostro raffreddatore di MGO è stato sviluppato in base a decenni di esperienza di vendita e messa in opera di raffreddatori marittimi in tutto il mondo.

Michel  Veltman

Michel  Veltman

Michel Veltman

- Sales Manager

Michel  Veltman

Michel Veltman

- Sales Manager

Certificazione

Stay updated

Subscribe to our newsletter

Close
Contatti